Seleziona una pagina

image3

Nel vuoto legislativo del quadro normativo Italiano , rimasto praticamente immobile dagli anni ’70, il Comitato Italiano Gas si è mobilitato nell’elaborazione di una sistema normativo apposito nominato “Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti sugli impianti a gas di tipo civile alimentati da reti di distribuzione – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”.

L’Italia si adegua cosi allo standard normativo europeo, che prevede dettagliate figure professionali qualificate su quegli impianti civili che impegnano Gas manifatturato, gas naturale/ metano e GPL, o gas di petrolio manufatto, questi si definiscono rispettivamente con le sigle 1a, 2a, 3a.

FUOCO

Le motivazioni principali che hanno spinto a rivoluzionare il settore, è la necessità di aumentare i requisiti di sicurezza , che hanno lo scopo di evitare, o comunque limitare i casi spiacevoli di incidenti domestici , che purtroppo si sono ripetuti molto spesso in passato
 http://www.expoclima.net/focus/esteri/idraulico_inglese_condannato_installazione_caldaia_senza_abilitazione.htm )

In particolare questo nuovo quadro normativo definisce ben tre figure specifiche di specialisti:

PROFILO A – RESPONSABILE TECNICO

PROFILO B – L’INSTALLATORE

PROFILO C – IL MANUTENTORE

Suddividendo in modo dettagliato le competenze di chi progettano, installano, rimuovono, ispezionano, collaudano, verificano e mettono in servizio mantenendo in sicurezza le varie tipologie di impianti civili alimentati a gas , con tutte le loro relative componenti.

Ognuna delle tre figure è stata suddivisa in sotto gruppi , per maggiori informazioni vedi qui: http://impiantistatermoidraulico.it/i-nuovi-corsi-abilitanti-per-manutentori-caldaie/

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE NECESSARIE PER ACCEDERE A QUESTI CORSI

Dal riassunto della norma UNI11554 apprendiamo come definito dalla UNI CEI EN ISO/IEC 17024 comprendiamo l’insieme delle attività che l’organismo di certificazione competente attua per verificare se i candidati soddisfano i requisiti richiesti.

I PRIMI PASSI, prevedono la certificazione del possesso da parte del candidato richiedente di appositi requisiti per l’accesso all’esame abilitante. Questi requisiti hanno lo scopo di accertare l’effettivo svolgimento da parte dell’aspirante candidato all’attività per la quale viene richiesta la certificazione.

VEDIAMO ORA I PREREQUISITI NECESSARI PER I SINGOLI PROFILI PROFESSIONALI

Ognuno dei tre profili necessita di caratteristiche predefinite competenti in base alle specificità tecniche degli esperti che vuole formare.

PER IL RESPONSABILE TECNICO, Si considera un’esperienza dimostrabile basata sulla compilazione precedente di una documentazione prevista dalla legislazione vigente in materia di impianti a gas per alcune di Installazione, Verifica, Collaudo e Manutenzione.

Tale documentazione ha lo scopo di attestare l’esperienza passata del candidato come “responsabile tecnico” di un’impresa ai (sensi dell’articolo 1 , comma 2 lettera e) del Decreto Ministeriale n. 37/08 ( ex 46/90) è considerata indispensabile per soddisfare i minimi requisiti di accesso.

PER L’INSTALLATORE si richiede invece almeno un’esperienza dimostrabile, secondo le dirette dipendenza di un’impresa abilitata come nel caso precedente ai sensi dell’articolo 1 , comma 2 lettera e) del Decreto Ministeriale n. 37/08, per almeno quattro anni , di cui uno come qualificato, con un effettivo svolgimento delle mansioni identificate dalla norma UNI 11554.

Nel caso l’impresa sia del tipo individuale, i requisiti d’accesso sono quelli inerenti alla figura di tecnico responsabile.

In ogni caso l’effettivo svolgimento delle mansioni richieste per certificare l’esperienza pregressa, può essere correttamente documentato presentando una dichiarazione del titolare del dipendente o dell’impresa, compilata secondo i sensi del D.P.R. 445/2000.

PER IL MANUTENTORE, si richiede invece di dimostrare la loro esperienza lavorativa presso un’impresa abilitata ai sensi dell’articolo 1 comma 2 lettera e del decreto ministeriale 37/08, sempre per un periodo che superi almeno i 4 anni , ed anche in questo caso sempre almeno uno come qualificato, sempre secondo gli standard della norma UNI 11554.

Anche in questo caso è possibile certificare le proprie esperienze come nel caso dell’installatore.
IMAGES

Tutte e tre le figure istituite dal nuovo quadro legislativo approvato, sono studiate su professionalità preesistenti, e quindi si adattano a persone che hanno avuto già esperienza nel loro campo.

Questa norma infatti vuole definire in modo chiaro, le responsabilità e limare al meglio i ruoli che con l’evoluzione tecnologica e della normativa sulla sicurezza degli ultimi anni, hanno richiesto alla professionalità delle figure termoidrauliche.

Per accedere a questo percorso di Certificazione altamente performante, ti basterà lasciare i tuoi dati nell’ apposito form sul sito e verrai prontamente contattato.

La nostra sede:

ANAPIA ROMA CAPITALE
Via Carlo Emilio Gadda, 156
Roma

I nostri recapiti:

Ufficio: 0650513498
Mobile: 335 6907650
Fax: 06 5005165
Mail: info@impiantistatermoidraulico.it
Facebook: https://www.facebook.com/impiantistatermoidraulico


Warning: include(/index.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/impiant4/public_html/wp-content/plugins/social-share-button/includes/class-shortcodes.php on line 41

Warning: include(): Failed opening '/index.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php56/pear') in /home/impiant4/public_html/wp-content/plugins/social-share-button/includes/class-shortcodes.php on line 41