DIVENTA MANUTENTORE TERMOIDRAULICO CERTIFICATO:SCOPRI LA NORMA UNI 11554

DIVENTA MANUTENTORE TERMOIDRAULICO CERTIFICATO:SCOPRI LA NORMA UNI 11554

Cosa significa diventare un termoidraulico certificato in base alla norma UNI 11554 2014? Entrata in vigore l’11 settembre 2014, la norma disciplina le “Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti sugli impianti a gas di tipo civile alimentati da reti di distribuzione – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, e riguarda tutti gli operatori del post contatore gas. La norma è stata elaborata dal CIG che si occupa della stesura della normativa nel settore gas, in qualità di ente federato UNI. La norma, praticamente, si rivolge a tutto questo settore, da coloro che si occupano degli impianti a chi installa gli apparecchi a gas. Sono coinvolti i progettisti, gli installatori, i manutentori, i collaudatori. La norma colma un vuoto legislativo italiano, poiché il CEN ha da tempo emanato precise disposizioni sulla standardizzazione di qualifiche e professionalità. E’ pur vero che, in Italia, il D.M. 37/08 regola l’abilitazione ad operare dei soggetti sopraelencati, ma lo fa riconoscendo titoli e attività pregresse, senza occuparsi veramente della qualificazione. E lo fa senza prevedere, per la persona “abilitata”, nessun controllo specifico da parte di nessun ente preposto. In un’ Europa a libero mercato non possono mancare norme che disciplinano, a livello comunitario, le caratteristiche intrinseche che deve possedere chi svolge una determinata professione. Questo a prescindere dalla tipologia di professione svolta, ma a maggior ragione quando si tratta di argomenti delicati come l’uso dei gas combustibili. Solo creando professionisti qualificati si può garantire la sicurezza di tutti i cittadini e l’Unione Europea ha scelto quale sarà la strada della qualificazione: un iter formativo che porta ad un esame teorico e pratico per...
LA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

LA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

CHE COS’E’ LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI TERMOIDRAULICI E COSA DICE LA LEGGE La sicurezza degli impianti termoidraulici è un argomento molto gettonato negli ultimi tempi in quanto si cerca di prestare la massima attenzione alla sicurezza, sia nel settore privato che in quello pubblico. Nello specifico, si tratta di una serie di norme e controlli da mettere in campo per assicurare la perfetta efficienza dei propri impianti termoidraulici. Anche il Governo ha dimostrato grande interesse alla questione emanando una serie di provvedimenti che hanno l’obiettivo di disciplinare un campo fino ad ora abbastanza abbandonato a se stesso. Un tentativo in tal senso è stato fatto con il decreto legislativo numero 37/2008 che ha sistematizzato la materia già affrontata nella legge 248/2005 che si occupava di sicurezza e manutenzione degli impianti termoidraulici. Secondo le nuove indicazioni di legge, ogni impianto termoidraulico deve essere sottoposto a periodiche verifiche di funzionamento e, dopo ogni controllo, deve essere rilasciato il libretto di uso e manutenzione che porti indicata però chiaramente la dichiarazione di rispondenza, oltre alla dichiarazione di conformità e alla copia del progetto. Le sanzioni previste per il mancato rispetto delle norme in vigore per la sicurezza degli impianti termoidraulici sono di tipo amministrativo e possono variare dai 100 ai 1000 euro per gravi mancanze oppure illeciti relativi a quelli che sono gli obblighi imposti per la dichiarazione di conformità. Tutti gli altri illeciti, invece, vengono puniti con un’ammenda amministrativa che varia dai 1000 ai 10000 euro. COME GARANTIRE LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI TERMOIDRAULICI La legge prevede che ogni qualvolta venga installato, ampliato o trasformato in qualche modo un impianto termoidraulico, venga...
CORSO MANUTENTORE IMPIANTI TERMICI CON PATENTINO II LIVELLO IN OMAGGIO!!

CORSO MANUTENTORE IMPIANTI TERMICI CON PATENTINO II LIVELLO IN OMAGGIO!!

                                                                              AFFRETTATI!! E’ in fase di svolgimento il Percorso di certificazione per la figura di Manutentore di Impianti Termici! Possibilità di poter avere il corso per il conseguimento del Patentino di II Livello in OMAGGIO!!   Il tutto a soli 500 euro + IVA!!   Entrambi i corsi si svolgono ONLINE  con soli 4 giorni + esami in sede a Roma ………RIMANGONO POCHI POSTI……..   Per informazioni contattare i seguenti recapiti: ANAPIA ROMA CAPITALE 06/50513498...
IMPORTANTE! PROROGA ADEGUAMENTO LIBRETTO IMPIANTI TERMICI

IMPORTANTE! PROROGA ADEGUAMENTO LIBRETTO IMPIANTI TERMICI

Slitta a Dicembre 2015 l’adeguamento dei libretti di centrale termica per il monitoraggio delle caratteristiche, manutenzione e controlli degli impianti termici civili per il contenimento dei consumi di energia. L’articolo 12 del Decreto Legge 192/2014 s occupa delle proroghe del regime fiscale relativo alle energie da fonti rinnovabili e il suo comma 2-bis contiene una proroga riguardante gli adempimenti relativi all’ integrazione dei Libretti di centrale per gli impianti termici civili previsti dall’articolo 284 comma 2, del TUA portandoli al 31 Dicembre 2015. La precedente scadenza era prevista per il 31 Dicembre 2014. Il D.P.R. 26 Agosto 1993 n° 412 dispone norme per la progettazione, installazione, manutenzione ed esercizio degli impianti termici degli edifici per ottimizzare i costi e i consumi di energia. Se si va a vedere l’articolo 11 del suddetto Decreto , possiamo apprendere che esso prevede che “al termine delle operazioni di controllo e manutenzione dell’impianto, l’operatore ha l’obbligo di redigere e sottoscrivere un rapporto da rilasciare al responsabile dell’impianto, che deve sottoscriverne copia per ricevuta“. L’originale del rapporto sarà conservato ed allegato al libretto di cui al comma 9. Nel caso di impianti unifamiliari, di potenza inferiore a 35 kW, il rapporto di controllo e manutenzione dovrà essere redatto e sottoscritto conformemente al modello di cui all’allegato H al presente decreto. Per tale libretto di centrale l’articolo 284, comma 2, D.Lgs. 3 Aprile 2006 n°152, mette in atto un’integrazione per gli impianti termici di tipo civile di potenza termica nominale superiore al valore di soglia, in esercizio alla data di entrata in vigore della parte quinta del TUA: il responsabile dell’impianto sia per la manutenzione che dell’esercizio...
REQUISITI PER L’ACCESSO ALLA CERTIFICAZIONE PER MANUTENTORE CALDAIE

REQUISITI PER L’ACCESSO ALLA CERTIFICAZIONE PER MANUTENTORE CALDAIE

Nel vuoto legislativo del quadro normativo Italiano , rimasto praticamente immobile dagli anni ’70, il Comitato Italiano Gas si è mobilitato nell’elaborazione di una sistema normativo apposito nominato “Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti sugli impianti a gas di tipo civile alimentati da reti di distribuzione – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”. L’Italia si adegua cosi allo standard normativo europeo, che prevede dettagliate figure professionali qualificate su quegli impianti civili che impegnano Gas manifatturato, gas naturale/ metano e GPL, o gas di petrolio manufatto, questi si definiscono rispettivamente con le sigle 1a, 2a, 3a. Le motivazioni principali che hanno spinto a rivoluzionare il settore, è la necessità di aumentare i requisiti di sicurezza , che hanno lo scopo di evitare, o comunque limitare i casi spiacevoli di incidenti domestici , che purtroppo si sono ripetuti molto spesso in passato  http://www.expoclima.net/focus/esteri/idraulico_inglese_condannato_installazione_caldaia_senza_abilitazione.htm ) In particolare questo nuovo quadro normativo definisce ben tre figure specifiche di specialisti: PROFILO A – RESPONSABILE TECNICO PROFILO B – L’INSTALLATORE PROFILO C – IL MANUTENTORE Suddividendo in modo dettagliato le competenze di chi progettano, installano, rimuovono, ispezionano, collaudano, verificano e mettono in servizio mantenendo in sicurezza le varie tipologie di impianti civili alimentati a gas , con tutte le loro relative componenti. Ognuna delle tre figure è stata suddivisa in sotto gruppi , per maggiori informazioni vedi qui: http://impiantistatermoidraulico.it/i-nuovi-corsi-abilitanti-per-manutentori-caldaie/ QUALI SONO LE CARATTERISTICHE NECESSARIE PER ACCEDERE A QUESTI CORSI Dal riassunto della norma UNI11554 apprendiamo come definito dalla UNI CEI EN ISO/IEC 17024 comprendiamo l’insieme delle attività che l’organismo di certificazione competente attua per verificare se i candidati soddisfano i requisiti richiesti. I PRIMI...
Libretti Impianti Termici obbligatori: cosa cambia.

Libretti Impianti Termici obbligatori: cosa cambia.

«1. All’articolo 1 comma 1 del dm 10 febbraio 2014, le parole “A partire dal 1° giugno 2014” sono sostituite dalle seguenti: “Entro e non oltre il 15 ottobre 2014”»; 2. All’articolo 2 comma 1 del DM 10 febbraio 2014, le parole “A partire dal 1° giugno 2014” sono sostituite dalle seguenti: “Entro e non oltre il 15 ottobre 2014”». Il DM 10 febbraio 2014 stabiliva che a partire dal 1° giugno 2014, gli impianti termici avrebbero dovuto essere muniti del nuovo libretto di impianto e degli appositi moduli per il controllo dell’efficienza energetica. Nel comunicato del Ministero dello Sviluppo Economico si legge che si è “ritenuto opportuno prorogare la scadenza fissata al 1 giugno 2014 al fine di consentire alle Regioni e agli operatori del settore di avere più tempo per adeguarsi  alle nuove disposizioni”. Tuttavia nell’ultimo decreto pubblicato è previsto un termine ultimo (“Entro e non oltre il 15 ottobre”), entro il quale tutti i libretti dovranno essere aggiornati alla nuova normativa. Questo comporta che dal 16 ottobre gli impianti termici dovranno essere muniti dei nuovi libretti e dovrà essere redatto il “Rapporto di efficienza energetica”. A partire dal 16 ottobre sarà obbligatoria: ·   la presenza del nuovo libretto di climatizzazione per tutti gli impianti (sia esistenti che    di nuova installazione; art. 1); ·   la compilazione del “Rapporto di efficienza energetica” in occasione degli interventi di     manutenzione e di controllo sugli apparecchi di climatizzazione invernale di potenza             utile nominale maggiore di 10 KW e di climatizzazione estiva di potenza utile nominale       maggiore di 12 KW con o...
Le valvole termostatiche obbligatorie

Le valvole termostatiche obbligatorie

  Le Valvole Termostatiche sono dei dispositivi di Termoregolazione che consentono un’equa distribuzione del calore in tutte le stanze di un appartamento, consentendo al termosifone di spegnersi una volta raggiunta la temperatura impostata che è regolata in un range di valori compresi tra 0 e 5.   A seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo del libretto di impianti dello scorso 15 Ottobre, entro Dicembre 2016 diventerà obbligatorio installare su ogni termosifone le valvole termostatiche con contabilizzatori di calore. Quest’obbligo vale solo per tutti coloro che risiedono in condomini con impianti di riscaldamento CENTRALIZZATO Lo scopo dell’Unione Europea è quello di  ottenere, entro il 2020, una diminuzione del 20% delle emissioni di CO2 in atmosfera e un aumento del 20% dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Con l’installazione delle valvole termostatiche si può raggiungere un risparmio nel consumo di combustibile compreso tra il 10% e il 30%. COSTI: Si stima che la spesa per l’installazione delle valvole si aggiri intorno ai 120 euro a calorifero: ciò comprende il costo per l’equiparazione delle pompe di circolazione dell’impianto condominiale da portata fissa a portata variabile e lo sconto fiscale del 65% per interventi di efficientamento energetico. L’adeguamento delle pompe di calore è un intervento indispensabile per non rendere nulli i vantaggi portati dalle valvole termostatiche. Per un appartamento di 80 mq con 6 caloriferi, la spesa potrebbe aggirarsi sui 1.055 euro. SANZIONI: Chi non ottempera all’obbligo previsto sarà soggetto ad una sanzione compresa tra 500 e 2.500 euro, stabilita a seconda delle  varie Regioni a partire da Dicembre 2016. CAMBIO DEL REGOLAMENTO CONDOMINIALE: Nei condomini con impianto centralizzato,  le spese vengono divise in base ad una  tabella millesimale. In...
PATENTINO CALDAIE II LIVELLO

PATENTINO CALDAIE II LIVELLO

ALT! FAVORISCA IL PATENTINO!   NON PERDERE TEMPO, FAI IL CORSO E PRENDI IL TUO PATENTINO CALDAIE DI II LIVELLO RILASCIATO DALL’ISPETTORATO DEL LAVORO! Il Patentino di II livello è abilitante per lavorare con caldaie a conduzione di acqua calda con potenza che va dalle 200.000 Kcal/h a 1.000.000 Kcal/h…. Sarai abilitato a: 1) ACCEDERE AI LOCALI CALDAIE 2) ACCENSIONE E SPEGNIMENTO 3) CONTROLLO DEI FUMI IL PATENTINO E’ OBBLIGATORIO PER LEGGE! LO SANCISCE IL DECRETO LEGISLATIVO 152 DEL 2006 CONTATTACI E TI DAREMO TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE PER ISCRIVERTI… TI OFFRIAMO: – LEZIONI ON LINE SULLA NOSTRA PIATTAFORMA E-LEARNING – ASSISTENZA COSTANTE TRAMITE TUTOR – LEZIONI IN AULA – ESAME IN SEDE IL TUTTO IN UNA SETTIMANA!! CONTATTACI, NON ASPETTARE!! ANAPIA ROMA CAPITALE Via Carlo Emilio Gadda, 156 Tel: 06/50513498   Cel: 335/6907650   Mail:  info@impiantistatermoidraulico.it    ...
CERTIFICATI A NORMA UNI E LA TUA PROFESSIONE FA UN SALTO DI QUALITA’!

CERTIFICATI A NORMA UNI E LA TUA PROFESSIONE FA UN SALTO DI QUALITA’!

  DIVENTA MANUTENTORE CERTIFICATO A NORMA UNI 11554! DIVENTA UNO TRA I PRIMI IMPIANTISTI TERMICI CERTIFICATI IN ITALIA E DIVENTA INDISPENSABILE PER LA TUA AZIENDA!  Potrai garantire la manutenzione ordinaria e, in caso di guasti, la riparazione, aggiornando eventualmente la documentazione. Gli impianti a gas di cui si occupa la norma sono di tipo civile, alimentati da reti di distribuzione, ovvero impianti per la climatizzazione degli edifici, produzione di acqua calda sanitaria (anche centralizzata), cottura, installati in abitazioni, condomini, luoghi di ospitalità professionale e comunità. “Tra i Paesi membri dell’Unione Europea, più avanzati negli impieghi dei gas combustibili, l’Italia era l’unica a non disporre di uno strumento di qualificazione per gli operatori del settore gas” commenta Cristiano Fiameni, funzionario CIG “Oggi, con la pubblicazione della nuova norma UNI 11554, possiamo dire di aver colmato questo gap”. APPROFITTA DI QUESTA GRANDE OPPORTUNITÀ’! Contattaci e ti seguiremo passo passo nel tuo percorso di CERTIFICAZIONE! ANAPIA ROMA CAPITALE Via Carlo Emilio Gadda 156 06/50513498, oppure scrivici: info@impiantistatermoidraulico.it...
CERTIFICATI A NORMA UNI 11554 PER LA FIGURA DI MANUTENTORE!

CERTIFICATI A NORMA UNI 11554 PER LA FIGURA DI MANUTENTORE!

La Certificazione a norma UNI 11554 entrata in vigore a Novembre 2014 ha particolare importanza in quanto consente da un lato di definire in modo oggettivo i requisiti relativi a figure professionali che hanno un ruolo fondamentale ai fini della sicurezza delle persone, dall’altro di favorire il reciproco riconoscimento delle qualifiche in materia di istruzione e formazione e delle relative attestazioni di conformità. L’impiantista termico che interviene sugli impianti civili (domestici e similari ed extradomestici), è una figura professionale non regolamentata. La norma UNI 11554 ne definisce “i requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, ispirandosi ai principi enunciati dalla Legge 4/2013, in materia di professioni sprovviste di ordine o albo. A CHI SI RIVOLGE: Il percorso di certificazione si rivolge a tutti coloro che vogliono dare alla loro figura professionale una valenza più elevata, allargando notevolmente i propri orizzonti lavorativi. E’ rivolto a tutti coloro che progettano, mettono in servizio, mantengono in stato di sicuro funzionamento gli impianti alimentati a gas, scelgono, installano, rimuovono, sottopongono a prova o verifica, mettono in servizio, manutengono gli apparecchi a gas e loro componenti, installano, rimuovono, ispezionano, sottopongono a collaudo, prova o verifica. Sono previsti 3 profili: 1 Responsabile Tecnico:  figura professionale che ha il compito di ideare l’impianto a gas (tubazioni e sistemi relativi all’evacuazione dei prodotti di combustione) oltre che sovrintendere alle operazioni di montaggio e pianificarne la manutenzione. 2 Installatore: figura professionale cui spetta il compito di gestire tutte le operazioni di realizzazione dell’impianto, mettere in funzione gli apparecchi (caldaie, piani di cottura…) e predisporre la documentazione relativa all’impianto 3 Manutentore: figura professionale che garantisce la manutenzione ordinaria dell’impianto e,...